tecniche di costruzione

 
GLI ATTREZZI
Negli ultimi anni le tecniche di costruzione del presepio si sono notevolmente evolute ricorrendo a materiali plastici facilmente reperibili e a basso costo, nonche` ad effetti elettronici computerizzati.ero` tra gli "amatori" si continua a privilegiare l'uso dei materiali più poveri quali la carta , il legno , il gesso , la cartapesta e ,per noi ,materiali raccolti lungo i sentieri della montagna.Determinante la scelta di questi materiali è la facile reperibilità che la regione a cui si appartiene offre; è logico quindi che in Alto Adige ed in generale in tutte le regioni alpine il materiale più usato sia il legno insieme a pietre di ardesia o a rami di forma particolare.

Basta pensare alle bellissime statuine che hanno reso la Valgardena famosa in tutto il mondo per rendersi conto di quale alto livello artistico sia stato raggiuntonota e` la " ANRI ® " che realizza statuine pregiate in forma e colori ). Moltissimi sono gli artigiani locali in grado di realizzare opere assai interessanti.Anche il paesaggio,oltre alle figure, viene realizzato utilizzando per lo più radici di albero contorte che bene si prestano a imitare rocce ed anfratti.

In Valle d'Aosta gli artigiani usano il legno come materiale principe per la creazione delle statuinee , senza far uso di coloranti , e di rami e pietre locali per la realizzazione di altre parti del paesaggio , quali per esempio capanne e casette . Nella Lombardia , ed in generale nelle regioni del nord Italia , il materiale più usato e` la carta che opportunamente spiegazzata e colorata permette di imitare i monti e la grotta dove nacque Gesù , mentre poca cura si ha nei personaggi.In Emilia Romagna ed in molte regioni del centro si privilegia l’uso della terracotta che trova impiego oltre che per la realizzazione delle statue anche per la costruzione del paesaggio . Nella Puglia , famosa è la tradizione della lavorazione della cartapesta che soprattutto nel leccese ha raggiunto dei risultati artistici di straordinaria bellezza.

Oggi , per quanto riguarda la produzione di statue da presepio , il materiale più usato è il PVC , che ha senz'altro il merito di aver reso veramente alla portata di tutti l’acquisto delle statue e dei vari accessori , ma ha abbassato il livello qualitativo, privando gli oggetti di quel "tocco” personale che solo la mano dell'artigiano-artista sa dare , rendendo l'opera UNICA.

LA TECNICA DEL GESSO

Questo materiale permette di ottenere risultati veramente straordinari per quanto riguarda l' imitazione della natura. primi ad usare questa tecnica sono stati i catalani che ancora oggi sono considerati dei maestri in questa arte .La tecnica consiste nello stendere l'impasto che si ottiene su di una struttura realizzata con tela di juta o rete metallica e successivamente viene inciso e poi colorato . Alcuni usano questa tecnica applicando il gesso su cartone e realizzando quindi pareti di case o capanne ; ovviamente il tutto è accompagnato da adeguate colorazioni con tinte assai tenui e morbide . Si possono realizzare interi paesaggi .

IL POLISTIROLO ESPANSO

L'utilizzo di questo materiale risale agli anni '70 ed ha trovato un grande riscontro tra i costruttori dei presepi , per la sua facile lavorabilità e per la sua leggerezza della costruzione. I1 polistirolo espanso viene indi tagliato utilizzando usando un attrezzo tipo "traforo" che porta al posto della lama un filo metallico che viene riscaldato elettricamente con un alimentatore a 12 volts.Viene poi inciso con un utensile chiamato pirografo che permette di imitare pietre e mattoni e quindi viene colorato con colori a tempera o vernici . Da noi viene spesso usato per costruire scalinate o muretti .

LA TECNICA DELLA CARTAPESTA

Ottima è la carta dei giornali quotidiani , che dopo essere stati fatta a brandelli , viene poi posta a macerare per alcuni giorni in acqua con aggiunta di colla. Si ottiene così una pasta morbida e malleabile , la quale viene applicata ad una struttura in legno precedentemente preparata . La caratteristica principale della cartapesta è la leggerezza e la robustezza dei manufatti .

ALTRE TECNOLOGIE

Ovviamente vi sono prespisti che adoperano altri materiali , alcuni dei quali impensabili : quindi ci sono opere realizzate con scorie di carbone , foglie di mais,metalli di vario tipo, mollica di pane,vetro, gusci di noce(c'e` un famoso presepe in Genova, presso il santuario della Madonna della Guardia) . Altri usano , per creare le statue , materiali come le foglie di pannocchia provenienti da tutto il mondo e opportunamente trattate (Presepe dei fratelli Curro`) GENOVA (un angelo nella foto qui sotto).

   
 
 

LA " NOSTRA " TECNICA

La nostra tecnica si basa sull'utilizzo dei materiali che si trovano lungo i sentieri di montagna , prendendo ispirazione dai paesaggi incantevoli della Valle d' Aosta . Tutte le costruzioni delle casette e delle capanne sono realizzate con piccoli ramoscelli di diverse forme e dimensioni , i quali vengono ripuliti e opportunamente lavorati , mentre i tetti sono in scaglia di pietra incastrate con cura l ' una dentro l ' altra . Ad arricchire la costruzione contribuiscono innumerevoli particolari, quali balconcini, davanzali e balconi fioriti, finestre provviste di tendine, alcune delle quali ricamate a mano , lampioncini , scale semplici o a chiocciola , inferriate ed altre piccole rifiniture.

Ogni anno costruiamo un presepe sempre diverso , intorno ai 35 metriquadrati , composto da cascate, rigagnoli e dove l'alternarsi dell'alba, annunciata dal canto del gallo, del giorno, con la "vita" nel villaggio, del tramonto, con le mandrie di pecore che ritornano all'ovile e della notte stellata , creano una atmosfera particolare al paesaggio alpino , il tutto accompagnato dai versi degli animali e dai suoni del paese montano.

Il presepe e`composto da circa quaranta casette , baite e stalle ,tutte costruite a mano da noi ,che si distribuiscono lungo dolci pendii ,laghi e torrenti e che fanno da cornice alla Capanna del Bambin Gesu` .

Arricchiscono il paesaggio fontane , macine che ruotano trainate da poveri asini , funicolari che trasportano la legna , animali che giocano.mulini a vento e ad acqua , lavandaie che pompano l'acqua dal pozzo ,mentre i panni stesi svolazzano al soffio della brezza mattutina . Poi ecco arrivare la notte , con il villaggio che lentamente si illumina, e piu` tardi , mentre il cielo si riempie di stelle che brillano ,ecco giungere lentamente la cometa , mentre un angelo, appare accompagnato dal suono di una melodia, per annunciare al mondo la Nascita del Bambin Gesu` : un pastore si affretta a suonare la campana per chiamare la popolazione.,

E poi , mentre il sole comincia a far capolino dalle montagne , ecco le persone dar inizio alle loro attivita` quotidiane . A volte il paesaggio e` sconvolto da tuoni e fulmini mentre un vento impetuoso ne annuncia l'imminente pioggia , di breve durata ; poi ecco apparire un arcobaleno che attraversa l'intera vallata, mentre gli uccellini tornano a cinguettare sui rami e i gatti a rincorrere i topi .